Endoscopia digestiva

Endoscopia digestiva

L’Endoscopia Digestiva è una tecnica diagnostica e terapeutica che permette di avere una visione diretta, dall’interno, di alcuni organi. Questa metodica permette di verificare l’eventuale presenza di alterazioni o lesioni e di effettuare piccoli interventi quali asportazione di polipi, arresto di emorragie digestive, palliazione di tumori avanzati, cauterizzazioni, biopsie.

Endoscopia Digestiva

L’Endoscopia Digestiva utilizza specifici strumenti (endoscopi) costituiti da un piccolo tubo flessibile al cui interno vi sono sottilissime fibre ottiche, che vengono inseriti nel corpo attraverso le cavità naturali: la bocca o l’ano, a seconda della zona da esplorare. Questa metodica permette di verificare l’eventuale presenza di alterazioni o lesioni e di effettuare piccoli interventi quali asportazione di polipi, arresto di emorragie digestive, palliazione di tumori avanzati, cauterizzazioni, biopsie. Gli esami più comunemente eseguiti con questa tecnica sono la Gastroscopia per studiare esofago, stomaco e duodeno, e la Colonscopia per visualizzare l’intestino. Presso i centri Bianalisi è oggi possibile eseguire due esami endoscopici utili nella prevenzione e diagnosi di diversi disturbi a livello gastroenterico ed intestinale: la Colonscopia e Gastroscopia.

Colonscopia

L’esame si esegue mediante l’utilizzo di una sonda endoscopica alla cui estremità è fissata una microcamera. E’ utile per esaminare le pareti del tratto digestivo inferiore (colon e retto) al fine di valutarne l’aspetto e di conseguenza lo stato di salute e di individuare eventuali indicatori di problematiche specifiche (ad esempio stati infiammatori) o la presenza di lesioni (ad esempio polipi intestinali). L’esame è indicato in  caso di dolori addominali non spiegabili, stitichezza improvvisa, diarrea di lunga durata, perdite di sangue attraverso il retto. Permette di prevenire, diagnosticare e curare alcune tra le più frequenti patologie a carico dell’apparato digerente. La Colonscopia è l’esame raccomandato a partire dai 50 anni di età come efficace strumento di screening e prevenzione dei tumori colon-rettali. L’esame può essere eseguito sotto sedazione profonda (non si tratta comunque di un’anestesia generale ma di una sedazione controllata).

Gastroscopia

Anche in questo caso l’esame è effettuato mediante l’utilizzo di una sonda endoscopica alla cui estremità è fissata una microcamera, tramite la quale si esplora il tratto digestivo superiore (esofago, stomaco e duodeno). Viene pertanto consigliata dal medico quando vi siano sintomi quali dolore, bruciore di stomaco, acidità o reflusso, nausea, vomito o difficoltà digestive che persistono da lungo tempo. E’ inoltre utile per accertare la causa di sanguinamenti del tratto digestivo alto o di alcune anemie. E’ un esame che permette di effettuare diagnosi precoce in caso di infiammazioni (esofagite, gastrite) o lesioni (ulcere). La possibilità di effettuare biopsie (cioè di prelevare piccoli frammenti di mucosa) quando il medico lo ritenga utile, migliora ulteriormente le capacità diagnostiche di questo accertamento specialistico sia attraverso la ricerca del batterio che causa l’ulcera (Helicobacter pylori), sia attraverso la diagnosi delle eventuali lesioni sospette. Non è necessaria la sedazione profonda. L’esame, del tutto indolore, è ben tollerato dalla maggioranza dei pazienti e viene accompagnato da una blanda sedazione che mantiene il paziente vigile ma rilassato.

Preparazione

La preparazione per entrambI gli esami deve essere eseguita scrupolosamente per non comprometterne l’effettiva fattibilità ed il buon esito. Al momento della prenotazione, la Segreteria fornirà la scheda di preparazione riportante tutte le informazioni relative alla dieta da seguire nelle ore (in caso di Gastroscopia) o nei giorni (in caso di Colonscopia) precedenti l’esame, e in questo ultimo caso alla procedura da seguire per una corretta pulizia del colon. In caso di esame eseguito in sedazione, è sempre prevista la presenza di un anestesista. L’effetto del farmaco è in ogni caso solo temporaneo e svanisce immediatamente dopo il termine dell’esame, tuttavia è richiesta la presenza di un accompagnatore  in quanto è consigliato non mettersi alla guida di veicoli per alcune ore.

Le Strutture che offrono il servizio di Endoscopia digestiva

ULTIMI ARTICOLI DEL BLOG

Resta aggiornato sulle ultime notizie in ambito Sanitario e Scientifico!

17 gen 2020
Redazione Laboratorio Analisi Dott. Cerra
check-up-tiroideo
Check-up tiroideo

Sempre più persone soffrono di disturbi legati alla tiroide, un'importante ghiandola coinvolta nella regolazione del metabolismo basale e in numerosi importanti processi. Dal suo malfunzionamento possono derivare sintomi a carico di diversi organi, ecco perchè è importante effettuare dei controlli frequenti.

Leggi Articolo
17 gen 2020
Redazione Laboratorio Analisi Dott. Cerra
controlla-limmunita-del-tuo-bambino
Controlla l'immunità del tuo bambino

Stando al decreto legge sulla Prevenzione Vaccinale solo i bambini già vaccinati o naturalmente immunizzati dalla stessa malattia (ovvero che l'hanno già contratta) sono esonerati dall'obbligo di vaccinazione. Presso il laboratorio ANALISI CERRA potrai effettuare tutti gli esami necessari per conoscere lo stato immunitario del tuo bambino! Per info non esitate a contattarci.

Leggi Articolo
17 gen 2020
Redazione Laboratorio Analisi Dott. Cerra srl
prevenzione-un-semplice-e-rapido-emocromo
Prevenzione: un semplice e rapido emocromo

Le piastrine sono i più piccoli elementi figurati del nostro sangue e rivestono un ruolo fondamentale nella coagulazione; queste cellule, infatti, aggregandosi sono in grado di bloccare le emorragie. Le piastrine si attivano soltanto in risposta a stimoli ben precisi; se avvenisse il contrario, se cioè si aggregassero quando le circostanze non lo richiedono, o se, al contrario, non si attivassero al momento in cui il loro intervento è richiesto, si avrebbero conseguenze molto severe per l’organismo. La conta delle piastrine nel sangue è molto utile per diagnosticare diversi disturbi, non solo del midollo osseo, fegato, coaugulazione, ma anche in caso di tumore, artrite e infezioni di diverso tipo.Un check-up periodico, con un semplice e rapido emocromo, è il modo migliore per prevenire o intervenire tempestivamente in serie patologie. Vi aspettiamo.

Leggi Articolo
17 gen 2020
Redazione Medical Center
nuove-apparecchiature-walker-view-e-iso-free
Nuove apparecchiature Walker View e Iso-Free

Medical Center si è recentemente dotato di nuove e sofisticate attrezzature con cui è possibile valutare lo stato e la forma fisica ed eseguire allenamento e recupero funzionale personalizzato. WALKER VIEW Un tapis roulant computerizzato ad alta tecnologia in grado di valutare contemporaneamente ed in tempo reale sia una analisi del passo che del movimento  di tutti i segmenti del corpo. Permette, con un avanzato  sistema di sensori,  telecamere e monitor ad alta risoluzione,  di eseguire  esami  e tests posturali e di movimento specifici  ed allo stesso tempo  di trattare direttamente la Persona correggendo in tempo reale l’assetto posturale in fase dinamica e di movimento, in più valutando di continuo questi parametri  e la eventuale  correzione che viene visivamente trasmessa  dal monitor all’Utente. Dispone di specifici programmi di allenamento che possono essere eseguiti  immergendo la Persona in  una realtà virtuale trasmessa dal monitor  in base all’attività sportiva prescelta. Indicato sia nella riabilitazione e recupero funzionale che nell’allenamento sportivo. ISO-FREE Un apparecchio innovativo che attraverso un sofisticato sistema di rilevamento con telecamere e sensori permette di riconoscere i movimenti della Persona  ed il Suo equilibrio posturale sia statico che dinamico. E’ in grado di eseguire importanti tests modulari specifici per valutazione dell’atteggiamento posturale, statico e dinamico, e tests addizionali per l’analisi del salto e della velocità di reazione specifica nei diversi sport. Fornisce modelli di  riabilitazione, training ed allenamento personalizzabili, con controllo e correzione  del movimento immediatamente  percepiti dalla Persona con visione diretta al monitor, ed anche in questo caso sono  disponibili  specifici programmi di allenamento che possono essere eseguiti  una realtà virtuale trasmessa dal monitor  secondo l’attività sportiva prescelta. E’ estremamente utile in riabilitazione, nel recupero funzionale e nell’allenamento sportivo.

Leggi Articolo
17 gen 2020
Redazione Medica Center
corso-di-pilates-terapeutico
Corso di Pilates Terapeutico

Dal mese di febbraio presso la nostra struttura è attivo un corso di Pilates Terapeutico, una tecnica riabilitativa che, sotto la guida del terapista, insegna a riconoscere e modificare i movimenti, le tensioni e le posizioni scorrette così da raggiungere e mantenere lo stato di benessere e di consapevolezza del proprio corpo.

Leggi Articolo
17 gen 2020
Leila Codecasa (Corriere della Sera)
ricreata-la-palpebra-superiore-raro-intervento-a-vimercate
Ricreata la palpebra superiore: raro intervento a Vimercate

Quando è arrivata in ospedale a Vimercate, è entrata nello studio e ha detto al dottore: «Non ne posso più. Per favore faccia qualcosa lei per il mio occhio». Spiega il dottor Natale Di Giacomo, responsabile del settore Oculoplastica: «Aveva un tumore “a cavolfiore” alla palpebra superiore sinistra che la deturpava. Arrivava dal centro Italia, una signora di sessant’anni combattiva ma ormai disperata, mi disse che aveva girato vari ospedali e tutti le avevano risposto che non c’era nulla da fare. O tenere il tumore, con il rischio di metastasi, o provare ad intervenire ma compromettendo l’occhio. Io le ho chiesto carta bianca per operarla». La paziente ha accettato. Intervento complesso La paziente aveva un tumore che rischiava di attaccare il cervello, ma l’asportazione poteva comportare la perdita dell’occhio: impiegata una tecnica all’avanguardia «Abbiamo optato per un tipo di intervento molto complesso ed effettuato rarissimamente in Italia: in parole molto semplici io e la mia equipe – ha spiegato Di Giacomo – abbiamo deciso di asportare completamente la palpebra superiore, di traslare quella inferiore in alto e di utilizzare il tessuto della guancia come palpebra inferiore, salvando almeno una rima palpebrale». La nuova palpebra Due gli interventi: nel primo l’occhio è stato completamente chiuso asportando la palpebra malata, nel secondo, a distanza di circa un mese, la palpebra che nel frattempo si era «stabilizzata» nella sua nuova condizione è stata tagliata a metà creando così due palpebre, inferiore e superiore. «Nel giro di ventiquattr’ore la paziente muoveva la palpebra – ha rivelato il medico —. L’ho rivista pochi giorni fa e sta bene». Di Giacomo si è formato in Spagna ed è specializzato in interventi di questo tipo: «Hanno indirizzato qui la paziente perché sanno che ho questa specializzazione, ma si tratta di un caso raro: io stesso ho usato questa tecnica due sole volte nel corso della mia carriera».

Leggi Articolo