Therapolis

Via Carducci, 6
20855 Lesmo (MB)

Orari

APERTURA

Lun - Ven 

09.00 - 12.00 / 14.00 - 19.00

Informazioni su Therapolis

Direttore Sanitario: Dottoressa Lorenza Sordo

 

Un punto di riferimento per i privati, ma anche per le Organizzazioni Assistenziali e i Network Sanitari.

Therapolis ha stabilito fin dalla sua fondazione un rapporto di fiducia, proponendosi con impegno e credibilità entro un vasto raggio territoriale. Dai servizi di orientamento e consulenza sanitaria all’organizzazione di processi diagnostici e terapeutici studiati ad hoc in caso di necessità specifiche. 

Medici, Primari, Tecnici Diagnostici: al vostro servizio una costellazione di professionisti di prima grandezza.

Therapolis vuol dire “città della salute”. Abbiamo reclutato Medici, Specialisti e Tecnici della diagnostica nei migliori ospedali, centri di cura, cliniche universitarie e studi privati per garantirvi qualità e sicurezza.

Il centro del nostro universo siete voi.

La struttura è accessibile e ospitale; il modello di servizio è fondato sulla relazione medico-paziente; i tempi di visita sono sempre adeguati all’ascolto delle vostre esigenze di salute.

 

 

Servizi erogati da Therapolis


Allergologia


Angiologia


Cardiologia


Chirurgia Estetica


Chirurgia Generale


Chirurgia Plastica


Chirurgia Vascolare


Dermatologia


Diabetologia


Dietologia


Ecografia e Ecocolordoppler


Endocrinologia


Fisiatria


Gastroenterologia


Ginecologia


Medicina del Lavoro


Neurologia


Oculistica


Ortopedia


Otorinolaringoiatria


Pneumologia


Psicologia

I Nostri Specialisti

Claudio Magni
Oculista
Daniela Palmira Mazzaccaro
Chirurgo Vascolare , Angiologa (es. strumentali)
Federica Crippa
Dermatologa
Felice Achilli
Cardiologo (es. strumentali)
Gabriella Rossetti
Allergologa (esegue test )
Giulio Rabosio
Fisioterapista
Leonardo Crippa
Omeopata
Lorenza Sordo
Direttore Sanitario, Otorinolaringoiatra
Manuela Carla Colombo
Endocrinologa, Dietologa
Marina Vignola
Pneumologa
Mauro Benfatti
Ginecologo (es. strumentali)
Michele Corbella
Ortopedico (esegue Infiltrazioni)
Mietta Meroni
Nefrologa
Paolo Carlo Maria Righini
Chirurgo Vascolare, Angiologo (esegue sclerosanti)
Pier Luigi Gamba
Diabetologo, Endocrinologo, Medico Internista
Pierluigi Teruzzi
Ecografista, Radiologo
Pierluigi Confalonieri
Chirurgo Plastico ed Estetico (esegue filler)
Roberta Milia
Ginecologa (es. strumentali)
Simona Limonta
Fisioterapista, Osteopata
Stefania Arbizzoni
Psicologa

I Partner di Therapolis

Dove Siamo

ULTIMI ARTICOLI DEL BLOG

Resta aggiornato sulle ultime notizie del Mondo della Sanità

28-07-2021
Redazione scientifica Bianalisi
come-scoprire-se-si-hanno-delle-allergie-alex-test
Come scoprire se si hanno delle allergie? ALEX TEST

Allergy Explorer è il primo test allergologico in vitro multiplex.

Presso il Centro Bianalisi - IGEA vengono quotidianamente eseguiti esami su sangue per la ricerca di reazioni allergiche. Con un semplice prelievo ematico ricerchiamo anticorpi specifici deputati a sensibilizzare il tuo organismo quando entra in contatto con cibi e/o sostanze ambientali inalanti. Di ultima generazione, invece, è l’ImmunoCAP ISAC Test. Quest’esame non è convenzionato con il SSN ma si differenzia dagli altri perché utilizza tecniche di biologia molecolare. In particolare il test analizza la reazione dei tuoi anticorpi a contatto con proteine purificate in laboratorio che ritroviamo in vari alimenti/inalanti, questo ci permette di individuare anche le sensibilizzazioni crociate. Di seguito viene illustrato e approfondito meglio il significato dei RAST e ISAC tests. ALEX TEST A che cosa serve ALEX® Test Allergy Explorer è il primo test allergologico in vitro multiplex che permette la misurazione simultanea delle IgE totali (tIgE) e delle IgE specifiche (sIgE) per numerosi estratti allergenici e allergeni molecolari. Sulla base della nostra composizione dei pannelli degli estratti e degli allergeni molecolari, il test fornisce un quadro completo della sensibilizzazione di ogni paziente. ALEX si basa sulla nostra tecnologia proprietaria a nanosfere: ogni allergene (estratto) viene ottimizzato individualmente per la produzione. Il versatile software permette di analizzare pannelli fatti su misura in base alle necessità cliniche: multiplex on demand. Il protocollo di dosaggio ALEX integra un potente inibitore CCD (determinanti carboidratici cross-reattivi) durante l’incubazione del siero, rendendo così più chiari i risultati per le IgE specifiche. Ciò riduce l’onere dell’interpretazione per i medici dei pazienti positivi ai CCD e aumenta la specificità dei risultati del nostro test. Misurazione simultanea delle IgE totali e specifiche Completo pannello di allergeni, ottimizzato individualmente Test multiplex con composizione del pannello on-demand Inibizione dei determinanti carboidratici cross-reattivi integrata Rilevamento simultaneo degli estratti tIgE + sIgE, e degli allergeni molecolaro sIgE Ottenere profili di sensibilizzazione esaustivi utilizzando i convenzionali sistemi di test singleplex* può risultare laborioso. Spesso sono richiesti diversi cicli di test per arrivare ad una diagnosi chiara, e le IgE totali devono essere esaminate separatamente. ALEX vi offre invece un quadro pressoché completo della situazione del vostro paziente, IgE totali comprese, rendendo più effi ciente questo approccio, altrimenti frammentato. A vostra disposizione vi sono oltre 150 estratti allergenici e oltre 100 allergeni molecolari. Allergeni molecolari disponibili in esclu siva includono marcatori di rischio della famiglia delle proteine di accumulo e altri nuovi marcatori (ad es. acari della polvere di casa, malassezia sympodialis). Caratteristiche di Alex Test è un test multiplex ELISA allo stato dell’arte basato sulla chimica di immunodosaggio e su metodi di rilevamento comprovati. I parametri prestazionali analitici sono allineati con i sistemi di dosaggio commerciali attualmente disponibili. È attesa un’alta correlazione con i metodi di riferimento. Il test ALEX è destinato a supportare la diagnosi di malattie allergiche in associazione ad altri riscontri diagnostici quali anamnesi, storia clinica o esame obiettivo. Oltre ad identificare le fonti allergeniche sensibilizzanti, ALEX fornisce un profilo IgE molecolare pressoché completo ad alta risoluzione, facilmente e senza costi aggiuntivi. In confronto alla sola diagnostica basata sugli estratti, questo sistema può aggiungere informazioni diagnostiche rilevanti: Indicazioni per immunoterapia specifica Valutazione di rischio per il vostro paziente per evitare severe reazioni allergiche alimentari Informazioni molecolari sulla reattività crociata  

Leggi Articolo
28-07-2021
Redazione scientifica Bianalisi
come-capire-se-sono-allergico-a-qualcosa-
Come capire se sono allergico a qualcosa?

Fai il RAST Test per riscontrare un’eventuale allergia

Presso il Centro Bianalisi - IGEA vengono quotidianamente eseguiti esami su sangue per la ricerca di reazioni allergiche. Con un semplice prelievo ematico ricerchiamo anticorpi specifici deputati a sensibilizzare il tuo organismo quando entra in contatto con cibi e/o sostanze ambientali inalanti. Di ultima generazione, invece, è l’ImmunoCAP ISAC Test. Quest’esame non è convenzionato con il SSN ma si differenzia dagli altri perché utilizza tecniche di biologia molecolare. In particolare il test analizza la reazione dei tuoi anticorpi a contatto con proteine purificate in laboratorio che ritroviamo in vari alimenti/inalanti, questo ci permette di individuare anche le sensibilizzazioni crociate. Di seguito viene illustrato e approfondito meglio il significato dei RAST e ISAC tests. RAST TEST Come fa il rast test a riscontrare un’allergia? Rast Test – acronimo di RadioAllergoSorbent test – è il nome di un’indagine diagnostica allergologica di secondo livello. Quest’esame si basa sul presupposto che una persona allergica ad una determinata sostanza presenta nel sangue anticorpi specifici contro quel dato allergene. Pertanto, attraverso il Rast Test si ricercano e si dosano le IgE specifiche nei confronti degli allergeni sospettati. In questo modo l’esame può confermare od escludere che il sistema immunitario dell’individuo abbia prodotto elevate quantità di immunoglobuline di classe E. Tali anticorpi sono presenti nella gran parte dei pazienti con allergia clinicamente manifesta, e la loro assenza può essere utilizzata con una certa affidabilità per escludere la sensibilizzazione nei confronti dell’allergene testato.Come anticipato, il Rast Test è un esame di secondo livello; come tale generalmente viene effettuato nei casi in cui:• i risultati delle prove allergologiche cutanee (prick test) non riflettono la storia clinica (possibile falso negativo in presenza di sintomatologia allergica suggestiva);• presenza di alterazioni della pelle, come dermografismo cutaneo o dermatite estesa, che controindicano l’esecuzione del prick test;• assunzione di farmaci antistaminici e cortisonici che renderebbero inaffidabile il risultato del prick test.In effetti, il rast test presenta un costo assai più elevato rispetto al prick test e permette di testare soltanto un numero limitato di allergeni.Il vantaggio del rast test è quello di poter essere eseguito a prescindere da eventuali trattamenti concomitanti a base di corticosteroidi od antistaminici, e da condizioni cutanee o problemi medici che controindicano l’esecuzione di test cutanei. Come si esegue il Rast Test? • Un piccolo campione di sangue viene prelevato attraverso una siringa munita di ago sottile.• Il prelievo viene tipicamente effettuato da una vena dell’avambraccio, come in ogni altro esame del sangue. Il sito in cui verrà effettuata la puntura viene preventivamente disinfettato. Talvolta, per rendere più evidente la vena di prelievo, viene applicato un laccio emostatico a monte. • Dopo il prelievo, il rast test permette una diagnosi eziologica in vitro tramite utilizzo di apparecchiatura specifica sul campione prelevato.I risultati del Rast test sono affidabili? Al pari dei test di provocazione cutanea, il potere predittivo positivo del rast test è generalmente più basso rispetto al potere predittivo negativo. Pertanto, di fronte ad un risultato negativo si è in grado di escludere con elevata probabilità la sensibilizzazione allergica nei confronti dell’allergene testato, mentre più dubbia risulta l’effettiva presenza di un’allergia in caso di risultati positivi. L’interpretazione dei risultati deve prendere in considerazione la possibilità di sensibilizzazione senza rilevanza clinica (falsi positivi al Rast test) e di allergie clinicamente rilevanti senza sensibilizzazione (falsi negativi), che possono apprezzarsi in pazienti atopici. I pannelli per la ricerca di IgE specifiche sono: 1) RAST ALIMENTARI: latte vaccino, albume, tuorlo, farina di grano, farina di mais, farina di soia, piselli, arachidi, fagioli, pomodoro, lievito, cipolla, sedano, gambero, granchio, merluzzo, tonno, polpo, formaggio molle, formaggio fermentato, albicocca, noce, ciliegia, anguria, arance, fragola, kiwi, melone, pera, pesca. 2) RAST ALIMENTARI PEDIATRICI: latte vaccino, albume, tuorlo, merluzzo, riso, farina di grano, farina di soia, carota, mela, alfa-lattalbumina, beta-lattalbumina, nocciole, caseina, glutine, pollo, maiale, manzo, cacao, banana, patata. 3) RAST INALANTI + INSETTI: dermatophagoides pteron, dermatophagoides farina, acarus siro, polvere di casa, alternaria alternate, aspergillus fumigatus, cladospordium herbarum, epitelio di gatto, forfora di cane, mix graminacee, mix erbe, apis mellifera, vespula species, lattice di gomma, betulla, acero, pioppo, quercia, platano, erba vetriola officinalis.

Leggi Articolo
26-07-2021
Redazione Bianalisi
insieme-per-la-toscana-la-rete-bianalisi-pas
Insieme per la Toscana: la rete Bianalisi - Pas

Una collaborazione tutta italiana per la Diagnostica di Laboratorio

Bianalisi offre un servizio completo di analisi di laboratorio attraverso una capillare distribuzione di punti prelievo sul territorio. Nella provincia di Firenze, Bianalisi opera in sinergia con la rete PAS, una rete di centri medici del non profit, con ambulatori specialistici, diagnostica per immagini e servizio di riabilitazione in un’ottica di assistenza presente e puntuale, ma soprattutto accessibile a tutti. Chiamando il numero unico 055 71.11.11 è possibile prenotare facilmente le analisi del sangue, presentandosi presso il punto prelievo Pas con un documento di identità e la tessera sanitaria; non è obbligatoria la ricetta medica. Scopriamo un po' meglio cos'è PAS La Rete PAS Pubbliche Assistenze Sanità – Centri Medici Non-Profit è il primo sistema di assistenza ambulatoriale diagnostica nato in Toscana, ad opera delle Pubbliche Assistenze: Humanitas Scandicci, Humanitas Firenze, Croce Azzurra Pontassieve e Fratellanza Popolare San Donnino.La Rete PAS si basa su un forte impegno sociale e non-profit, puntando ad offrire alla cittadinanza servizi ambulatoriali di qualità, in un’ottica di assistenza presente e puntuale, ma soprattutto accessibile a tutti. Come funziona la rete PAS?La Rete PAS, grazie alla forte e capillare presenza territoriale delle Pubbliche Assistenze che la compongono e agli oltre 130.000 soci, può garantire un impegno costante e di qualità, caratterizzato da una notevole facilità d’accesso ai nostri servizi. Il cittadino, attraverso una semplice chiamata al numero unico PAS 055 71.11.11 oppure tramite prenotazione online, potrà accedere in tempi brevi al servizio ambulatoriale di cui ha bisogno. Le nostre strutture hanno liste d’attesa ridotte e diffusione degli ambulatori nella provincia di Firenze. Quali vantaggi per chi sceglie PAS?PAS Pubbliche Assistenze Sanità garantisce una serie di vantaggi ai cittadini che scelgono di rivolgersi a noi. Una migliore offerta sanitaria - Servizi distribuiti in 10 sedi ambulatoriali; - Oltre 200 professionisti sanitari (medici specialisti, infermieri, fisioterapisti…) al tuo servizio;- Prestazioni in tutte le discipline cliniche, diagnostiche e riabilitative;- Consulenze mediche specialistiche e riabilitazione ai migliori livelli di qualità.   Prenotazioni facili e centri medici vicini a casa - Un numero unico di prenotazione per tutta la Rete PAS: 055 71.11.11; - Un portale per le prenotazioni online;- Apertura del servizio anche il sabato pomeriggio.   Facilità d’accesso ai servizi PAS - In convenzione con il Servizio Sanitario Regionale, con tempi di attesa garantiti dal sistema CUP Metropolitano;- A pagamento con tariffe sociali, contenute al di sotto di quelle correnti;- Particolari agevolazioni tariffarie per i soci. Progetti di prevenzione ed educazione sanitaria - In collaborazione con la Regione Toscana, l’Azienda Sanitaria e la Società della Salute; - Insieme al mondo delle associazioni e del volontariato;- Con i giovani per promuovere i corretti stili di vita. Da sempre le Pubbliche Assistenze, grazie all’impegno costante dei loro volontari e all’impiego di professionalità di alto livello, hanno come obiettivo primario la cura e l’assistenza alla persona e alla comunità.La Rete PAS, grazie alle sue 10 sedi operative dislocate sul territorio, vuole essere un punto di riferimento per i cittadini, che potranno sempre contare su servizi efficienti e su un personale qualificato, sempre disponibile.

Leggi Articolo
16-07-2021
test-sierologici-covid-19-tutto-quello-che-devi-sapere
Test Sierologici Covid-19: tutto quello che devi sapere

Intervista alla Dott.ssa Maria Teresa Sandri

INTERVISTA ALLA DOTT.SSA MARIA TERESA SANDRI È utile sottoporsi a un test sierologico prima o dopo la vaccinazione? Con quale frequenza e per ottenerne quali indicazioni? Quanti test sierologici esistono e quale è più adatto alle mie esigenze? Dalla loro introduzione più di un anno fa a oggi, i test sierologici si sono via via evoluti, per diventare oggi uno degli strumenti diagnostici più richiesti in questi ultimi mesi, con la campagna vaccinale a pieno regime. Abbiamo chiesto alla dottoressa Maria Teresa Sandri, Direttore SMeL del gruppo Bianalisi Spa, di rispondere alle nostre domande per fugare ogni dubbio e poterci orientare al meglio nel mare di informazioni dalle quali quotidianamente veniamo raggiunti. Buona visione!

Leggi Articolo
29-06-2021
Bianalisi - San Cristoforo
idrocolonterapia-l-rsquo-intestino-al-centro-della-tua-salute
Idrocolonterapia: l’intestino al centro della tua salute

Perchè?  Il mal funzionamento del colon (grosso intestino) è il fattore predisponente di molti problemi di salute. L’accumulo di TOSSINE legate all’alimentazione errata, allo stress, all’inquinamento e ai farmaci, si accumulano giornalmente nel nostro intestino determinando una DISIBIOSI, ossia un cattivo equilibrio tra la flora intestinale utile e quella dannosa. L’idrocolonterapia rimuovendo le feci stagnanti e i germi dalle pareti intestinali restituisce al colon il suo ottimale funzionamento, la sua naturale capacità di difesa e l’inizio di un recupero dello stato di salute ottimale. Cos'è l'Idrocolonterapia? E’ un lavaggio intestinale che consente, attraverso l’introduzione di acqua potabile filtrata ad una temperatura di 36/38° C. di mantenere pulito ed in perfetto stato il colon e di riportare in equilibrio la flora batterica intestinale. Come si svolge? La persona in trattamento si sdraia sul fianco sinistro, si introduce attraverso il canale anale una specula ( sonda ) munita di 2 vie, una per l’introduzione dell’acqua di lavaggio potabile e filtrata, l’altra collegata ad un tubo corrugato sterile e monouso per la fuoriuscita del contenuto intestinale. Dopo di che si assume la posizione supina ( pancia in su ) con l’arto inferiore sinistro disteso e l’altro piegato. Il terapista esegue una serie di lavaggi e svuotamenti a temperatura e pressione controllata.  L’acqua introdotta ammorbidisce e scioglie il contenuto intestinale che potrà fuoriuscire così dal tubo corrugato. Durata di una seduta e frequenza Circa 30/35 minuti e per un risultato vantaggioso si consigliano almeno 3/4 sedute, distanziate una dall’altra di 7/10 giorni. La frequenza è comunque personalizzata in base al paziente e alla problematica da risolvere. Come devo presentarmi? E’ raccomandabile non assumere cibi almeno 2 ore prima della seduta ed è consigliabile assumere fermenti lattici per alcuni giorni dopo il trattamento. E’ inoltre consigliabile indossare una T-shirt per un facile accesso all’addome per i massaggi che vengono esercitati durante l’idrocolonterapia. Indicazioni Dirette: STITICHEZZA COLON  IRRITABILE DIARREE PESANTEZZA E GONFIORE ADDOMINALE METEORISMO  E FLATTULENZA (ARIA NELL’ADDOME) DISBIOSI (ALTERAZIONE FLORA BATTERICA INTESTINALE UTILE) MICOSI INTESTINALE (FUNGHI) IPOTONIA COLICA (RALLENTAMENTO MOTILITA’ DEL COLON) MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON NON IN FASE INFIAMMATORIA MORBO DI CROHN NON IN FASE ACUTA O CON STENOSI RETTOCOLITE ULCEROSA NON IN FASE ACUTA  EMORROIDI ( NON IN FASE ACUTA O TROMBIZZATE E SANGUINANTI) RIABILITAZIONE DELLE DISFUNZIONI COLON-RETTO-ANALI PULIZIA DEL COLON PRIMA DI INTERVENTI CHIRURGICI PREPARAZIONE ALLA COLONSCOPIA E AD INDAGINI RADIOLOGICHE SPECIFICHE INTESTINALI ( CLISMA OPACO ) DISINTOSSICAZIONE DURANTE LA CHEMIOTERAPIA O UTILILIZZO DI RADIOFARMACI  INTOLLERANZE ALIMENTARI DEFICIT IMMUNITARI  Indicazioni Indirette: AFFEZIONI CUTANEE (ACNE, PELLE GRASSA, CAPELLI GRASSI ) CEFALEE FRONTALI ( MAL DI TESTA ) CISTITI CRONICHE RECIDIVANTI (COLIBATTERI, ESCHERICHIA COLI) PROSTATITI CRONICHE CANDIDOSI VAGINALE

Leggi Articolo
12-06-2021
Centro Medico San Donato - Bologna
riabilitazione-pavimento-pelvico-e-vibrosonoterapia-con-pompage
Riabilitazione pavimento pelvico e Vibrosonoterapia con pompage

Due novità nel reparto Fisioterapia

Nel reparto di Fisioterapia e Riabilitazione del Centro Medico San Donato si introducono due nuovi trattamenti: - la riabilitazione del pavimento pelvico, cioè della parte più profonda del perineo ed è una struttura muscolare che chiude in basso il bacino, formando una sorta di “cupola rovesciata” sulla quale giacciono gli organi pelvici. Il perineo è formato anche da sfinteri che permettono la continenza urinaria e fecale e da muscoli che si attivano durante i rapporti sessuali. -la vibrosonoterapia, che sfrutta la tecnologia ad onde meccano-sonore selettive insieme alla terapia manuale del pompage per trattare in modo non invasivo le patologie muscolari, dei nervi e delle articolazioni potendo penetrare nei tessuti oltre i 6 centimetri. Pavimento pelvico: che problemi possono insorgere Quando il tono muscolare è scarso, si potrà soffrire di incontinenza (da sforzo quando la perdita avviene durante un colpo di tosse, mentre si ride, si salta, o quando si solleva qualcosa di pesante, da urgenza quando lo stimolo è imperioso e non si riesce a procrastinare la minzione, o mista quando si presentano entrambe nello stesso soggetto). L’incontinenza da sforzo colpisce frequentemente anche i giovani sportivi che praticano sport ad alto impatto, ma che per pudore tendono a non riferirlo ai familiari, al medico di base, all’allenatore o al medico dello sport. Una riduzione del tono favorirà i prolassi dell’utero e della vescica nelle donne, e sempre nelle donne è correlato ad una riduzione della sensibilità durante i rapporti sessuali. Al contrario, un aumento del tono muscolare potrà portare al dolore durante i rapporti sessuali sino a renderli impossibili, oppure ad un dolore pelvico cronico, un problema invalidante ove non si riscontra nessuna patologia evidenziabile con i comuni mezzi di indagine.  Pavimento pelvico: le soluzioni rieducative La riabilitazione ha sia un fine terapeutico ma anche preventivo. L’attuale tendenza è quella di utilizzare questa terapia nella maggior parte dei pazienti destinati ad un intervento chirurgico a livello pelvico. Questo può essere utile nei soggetti che dopo l’intervento chirurgico pelvico necessiteranno con una buona probabilità di una riabilitazione (come ad esempio dopo una rimozione radicale della prostata) apprendendo quindi la tecnica in assenza di dolore ed in buone condizioni generali. Oppure può essere preventivamente utile nelle donne in gravidanza per ridurre il rischio di incontinenza, prolassi, emorroidi e per migliorare il controllo muscolare durante il parto e prevenire le lacerazioni. Le metodiche terapeutiche passano dalla spiegazione dell’anatomia e della fisiologia, alla compilazione del diario minzionale che il paziente dovrà registrare regolarmente per verificare l’andamento della terapia e calibrarla di conseguenza, per poi passare a tecniche respiratorie e apprendimento di una corretta contrazione/decontrazione del perineo da svolgere a domicilio. La pubblicità dei presidi come i pannolini non aiuta la risoluzione del problema perché questi dovrebbero essere non la prima ma l’ultima possibilità, dopo la riabilitazione in primis, seguita dai farmaci ed infine dalla chirurgia.       Vibrosonoterapia: a cosa serve La vibrosonoterapia o focal vibration therapy è indicata per: dolore ai tendini (tendinite, fascite, epicondilite, etc), problemi muscolari (aumento del tono o sua riduzione), alle articolazioni o ai nervi (es. tunnel carpale), edemi, cicatrici, alterazioni della sensibilità, spasticità, sperone calcaneare e fibromialgia. Induce: - la regolazione del tono muscolare - l'alleviamento del dolore - la stimolazione della circolazione sanguigna e linfatica, grazie alle contrazioni muscolari generate dalle vibrazioni - la stimolazione della sensibilità  Il pompage è una forma di terapia manuale che consiste nel trazionare tessuti ed articolazioni con lo scopo ultimo di decomprimere le strutture e creare uno spazio che possa far diminuire il dolore e contemporaneamente aumentare l’ampiezza di movimento. Indicazioni: algie vertebrali ed articolari, retrazioni, contratture muscolari e disturbi circolatori e/o linfatici. Associato alla vibrosonoterapia ne aumenta l’efficacia. Costo e orari Roberto Spinelli, massofisioterapista triennale (pre 1995 e quindi equipollente a Fisioterapista) iscritto all’Ordine delle Professioni Sanitarie della Riabilitazione e alla Federazione Italiana Fisioterapisti, esegue questi trattamenti il martedì pomeriggio e giovedì pomeriggio dalle 14.00 alle 17.00. Riabilitazione del pavimento pelvico: durata 60 minuti, costo 60,00 € Vibrosonoterapia con pompage: 35,00 € a seduta o pacchetto di 3 sedute a 100,00 €. Per prendere appuntamento, è necessario chiamare la segreteria al numero  051.512238. CHIAMACI AL NUMERO 051.512238PER PRENOTARE I TRATTAMENTI RIABILITATIVI

Leggi Articolo